La bella e santa riforma dei Frati Minori Cappuccini

bolla zelus religionis, rappresentazione iconica

Bolla Religionis zelus, rappresentazione iconica

Dalla nascita alla bolla Religionis zelus

L’Ordine nacque intorno al 1520 circa, quando il frate francescano osservante Matteo da Bascio – ordinato sacerdote nella regione delle Marche, Italia – si convinse che lo stile di vita condotto dai francescani del suo tempo non era quello che san Francesco aveva immaginato. Egli desiderava ritornare allo stile di vita originario in solitudine e penitenza, come praticato dal fondatore del suo ordine. I suoi superiori cercarono di sopprimere queste innovazioni, e fra Matteo e i suoi primi compagni furono costretti a nascondersi dalle autorità della Chiesa, che desiderava arrestarli per aver abbandonato i loro obblighi religiosi. Erano, del resto, gli anni della riforma luterana e, pertanto, qualsiasi tentativo di rinnovamento era mal visto dai superiori degli ordini religiosi. Matteo e i suoi amici trovarono rifugio presso i monaci camaldolesi. In segno di gratitudine essi adottarono successivamente il cappuccio indossato da quell’ordine, che era il marchio dell’eremita nelle Marche, e l’uso di portare la barba. Il nome popolare del loro movimento ha origine da questa caratteristica dei loro abiti.

Nel 1528, Matteo ottenne, con la mediazione di Caterina Cybo duchessa di Camerino, l’approvazione di papa Clemente VII con la bolla Religionis zelus. Gli fu dato il permesso di vivere come un eremita e di andare ovunque predicando ai poveri. Questi permessi non furono solo per lui, ma per tutti quelli che si sarebbero uniti a lui nel tentativo di restaurare l’osservanza più letterale possibile della regola di san Francesco. Matteo e il gruppo originario furono presto raggiunti da altri ed inizialmente vennero detti frati minori della vita eremitica; ed a causa dell’opposizione degli Osservanti, si trasformarono in una congregazione, i Frati minori eremiti, ramo dei francescani conventuali, ma dotati di un proprio vicario.

Fra Cristoforo, Manzoni, Promessi Sposi

Rappresentazione di Fra Cristoforo, Promessi Sposi, A. Manzoni

L’età moderna e la maturazione dell’Ordine

Un momento difficile fu nel 1542, quando il vicario generale dell’Ordine Bernardino Ochino aderì alla riforma protestante. Papa Gregorio XIII, nel 1574, permise all’Ordine di insediarsi in “Francia e in tutte le altre parti del mondo e di erigervi case, luoghi, custodie e province”, autorizzandone, nei fatti, la diffusione al di fuori d’Italia. Nel XVI secolo i cappuccini poterono contare su circa 14.000 frati e su quasi 1000 conventi. I numeri dell’Ordine aumenteranno ulteriormente tra il 1600 e la metà del Settecento. I frati, infatti, arriveranno a 34.000 ed i conventi a 1700. Questi furono, del resto, anche gli anni in cui l’Ordine modificò, o meglio, perfezionò alcune sue caratteristiche iniziali.

Pur mantenendo fede al voto di povertà radicale, i cappuccini si erano andati dimostrando ottimi predicatori e questo, visti anche i rapporti iniziali con il ramo conventuale, portò ad una “conventualizzazione”. Questo processo fu inoltre sostenuto anche dalla Santa Sede, che in quegli anni spinse gli ordini religiosi a sopprimere i conventi minori o troppo piccoli, convinta che dando vita a realtà più grandi queste potessero essere meglio controllate. Gli iniziali piccoli scaffali di libri divennero vere e proprie biblioteche, necessarie per assicurare una buona formazione di predicatori.

Per comprendere il ruolo dell’Ordine in questo secolo e mezzo, basti pensare che Alessandro Manzoni sceglierà proprio un cappuccino, fra Cristoforo, per opporsi a don Rodrigo, nei suoi Promessi Sposi. I Cappuccini furono molto attivi anche nelle missioni: per esempio, come riferisce Pellegrino da Forlì, l’arcidiocesi indiana di Agra fu affidata ai confratelli del suo ordine fin dal 1703. Dalla seconda metà del Settecento alla fine del 1800, l’Ordine visse un momento di crisi. Basti pensare che tra il 1787 ed il 1847 non si tenne il capitolo generale dell’Ordine, l’assemblea generale di tutti i responsabili delle province in cui quest’ultimo era suddiviso. Queste difficoltà furono dovute più a motivazioni politico-sociali che religiose. La Rivoluzione francese e le esperienze simili in altri stati europei portano alla soppressione i conventi ed anche di intere province. Altrettanto si può dire per l’Italia di fine Ottocento, dove la legge delle Guarentigie privò gli ordini religiosi di molti beni ed addirittura dei conventi. A ciò, però, si accompagnò una più consapevole opera missionaria, soprattutto nelle Americhe, dove l’Ordine crebbe con molta facilità.

Il secolo breve per la fraternità

Nonostante le difficoltà agli inizi del Novecento, i cappuccini erano circa 9.500 ed alloggiavano in oltre 600 case. Il capitolo generale del 1884 aveva del resto deciso di riacquistare molti dei conventi che erano andati perduti nel corso del secolo precedente e venne approvata una nuova regola. La precedente era del 1643. Il XX è stato, un po’ per tutti gli ordini religiosi, il secolo del ritorno alle origini e dell’apertura alle novità del mondo contemporaneo. Basti pensare al Concilio Vaticano II e l’invito rivolto a tutte le comunità religiose a riscoprire le ragioni originarie del proprio carisma. I cappuccini non sono stati esenti dalla crisi di vocazioni, che ha colpito la Chiesa cattolica in Europa e nel Nord America negli anni ‘60 ed ‘80. Ciò nonostante i cappuccini restano uno degli ordini più grandi e diffusi della Chiesa cattolica.

icona della ss vergine maria che protegge i frati cappuccini sotto il suo mantello

Icona della SS Vergine Maria che protegge i frati cappuccini con il suo mantello, presso il convento SS Crocifisso di Rutigliano (Ba)

Spiritualità

I cappuccini, fin dalle origini del loro Ordine, si segnalarono per un attaccamento particolare nei confronti della preghiera e per la cura dei poveri e degli ammalati. L’Ordine crebbe rapidamente sia in dimensioni che in popolarità, vista la sua tendenza di imitare la vita di Gesù così come descritta dai Vangeli. Questi differenti approcci erano spesso complementari con le missioni nelle zone di campagna servite poveramente dalle esistenti strutture parrocchiali, sopperendo ai bisogni dei fedeli in mancanza di un clero efficacemente preparato.

Nella piena consapevolezza che, per un Ordine religioso, la sorgente d’ogni fruttuosa attività individuale e sociale è la santità dei suoi membri, i superiori si sono da sempre adoperati con ogni premura per la formazione integrale della gioventù. Gli esercizi dell’anno canonico del noviziato si continuavano ancora per due o tre anni nei seminari dei neoprofessi, prima che i chierici fossero promossi allo studio. Per facilitare il compito degli educatori, si compilarono i direttorii o manuali, che sono veri trattati di spiritualità adattati alla mentalità e alle esigenze delle diverse nazioni.

Tra i mezzi comuni di pietà si distinguono facilmente due categorie: l’una ha per oggetto la persona di Cristo (Passione, Eucaristia), e l’altra la Madonna, proclamata patrona principale dell’Ordine sotto il titolo dell’Immacolata Concezione nel 1712. La spiritualità segue le direttrici fondamentali tracciate nel primo periodo, sviluppandole e perfezionandole. Cristo Gesù rimane il perno, e i religiosi lo prendono come prototipo della propria santità e lo presentano a tutti come modello insostituibile nelle prediche, negli scritti e nelle devozioni che hanno per oggetto principalmente la Passione e l’Eucaristia. Inoltre, la Vergine Maria è per tutti la via breve e sicura che conduce a Cristo, e perciò la venerano, cantano le sue glorie e prerogative e ne propagano il culto.

Finalmente, si dà la preferenza alla via affettiva per attrarre soavemente tutti all’intima unione con Dio, poiché tutti i cristiani devono sentire e seguire l’invito all’unione con Lui. È quasi impossibile scendere ai particolari di queste note o tendenze delle numerose pagine di letteratura spirituale cappuccina, che riveste sfumature proprie nei rappresentanti delle diverse nazioni. Molti, comunque, e di ogni epoca sono i cappuccini che si sono distinti per la loro ricchezza spirituale, unita all’operosità caritativa concreta.

In copertina: Eremo dell’Acquerella a Cerreto d’Esi (An)